Username o password non validi.
Nuovo utente? Registrati ora
oppure ACCEDI con

Pagine Gialle

Cerca attività

CHIEDI PREVENTIVO

come si usa il filo interdentale?

come usare filo interdentale
Il filo interdentale che troviamo in farmacia o sugli scaffali dei supermercati è un alleato prezioso per mantenere la bocca in salute, ma come si usa nel modo giusto per rimuovere la placca?

Quale filo interdentale scegliere?


Inizialmente realizzato in seta - ma ora in nylon o plastica - il filo interdentale può rimuovere da solo quasi il 70% dei residui di cibo presenti in bocca, contribuendo a ridurre in maniera notevole il rischio non solo di carie e placca, ma anche della parodontite. Il filo interdentale può essere:
  • cerato
  • non cerato
Il filo interdentale cerato è ricoperto da paraffina che lo aiuta a scorrere meglio nelle zone in cui i denti sono particolarmente vicini ed è adatto per chi ha problemi di tartaro o ha una dentatura con spazi irregolari. Il filo interdentale non cerato è meno robusto, ma la sua dimensione più piccolo lo rende la soluzione ideale quando lo spazio tra i denti è ristretto. Inoltre si deforma, aumentando la superficie a contatto con il dente e rimuovendo in maniera più efficace i depositi. Meno diffusa rispetto a queste due categorie è il filo a fiocchi, formato da una parte iniziale rigida e da una centrale spugnosa che permette di pulire anche protesi, ponti e apparecchi per i denti. A Milano come a Roma o a Palermo, il vostro dentista può consigliarvi quello più adatto in base alla vostra dentatura, integrandolo magari con scovolini o colluttori.

Come usare il filo interdentale?


Per prima cosa lavatevi accuratamente le mani e staccate un pezzo di filo interdentale dal rocchetto - solitamente dai 30 ai 40 cm - così da averne abbastanza per passare tutti i denti senza dover riutilizzare una parte sporca. Il filo va arrotolato attorno al dito medio di ogni mano fino a realizzare una sorta di archetto che vi permetterà di lavorare. Afferratelo tra pollice e indice e fatelo scivolare tra un dente e l’altro con un movimento di pulizia che va dalla gengiva alla punta del dente, senza dimenticare di pulire entrambi i lati. Il filo interdentale va usato almeno una volta al giorno - possibilmente insieme all’ultimo lavaggio dei denti prima di andare a letto - ma non esiste una sequenza esatta rispetto allo spazzolino: alcuni preferiscono iniziare con il filo per rimuovere i residui prima del lavaggio, altri lo usano come rifinitura finale.

Se notate che il filo continua a spezzarsi quando pulite una certa zona della bocca è possibile che sia a causa di un deposito di tartaro: in questo caso rivolgetevi ai dentisti che da Napoli a Firenze si occuperanno di rimuovere l’ostacolo, così da consentirvi una pulizia dei denti più agevole.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

trucchi denti bianchi
Avere denti bianchi non aiuta solo l’autostima, ma anche a mantenerli in salute più a lungo: vediamo quali sono i nemici più insidiosi della nostra bocca e come difenderci dal loro assalto perenne.
mantenere denti sani
Cosa serve per una corretta igiene orale? Gli strumenti giusti sono fondamentali per prendersi cura dei denti e mantenerli in salute e proprio per questa ragione devono essere scelti con cura:Lo spazzolino da denti: deve avere le setole della giusta durezza e punte arrotondate per non graffiare le gengive quando lo utilizzate, oltre a una testina non eccessivamente grande e a un’impugnatura comoda per manovrarlo.
CATEGORIE CORRELATE
GUIDE E PERCORSI
Devi organizzare un viaggio, ma indeciso sulla meta? Mare, montagna o città d'arte?
EVENTI
Concerti, mostre, spettacoli, sagre e mercatini in programma