la dichiarazione dei redditi: come funziona il 730?

modello 730 precompilato
La dichiarazione dei redditi permette ai cittadini di comunicare al fisco le proprie entrate annuali, ma se è vero che esistono più modelli, quello più comune resta sicuramente il 730. Vediamo come funziona e quali sono le importanti novità introdotte nel 2015…

Il 730 standard


Destinato ai lavoratori dipendenti e ai pensionati, il 730 offre l’indubbio vantaggio di inserire eventuali rimborsi o trattenute direttamente in busta paga o sulla rata della pensione senza necessità di compilare moduli o bollettini. È utile anche nel caso di redditi provenienti da sostituti d’imposta diversi (ad esempio un contratto di collaborazione occasionale che si sommi al salario per un lavoro a tempo indeterminato) e può essere presentato in maniera congiunta dai coniugi. Al suo interno trovano spazio un’insieme di detrazioni che vanno dalle spese mediche a quelle sostenute per badanti o per eventuali alimenti dovuti per il mantenimento del coniuge (ma non quelle per i figli).
A Brescia come a Roma o a Palermo, la presenza di un commercialista, ma anche di un CAF o di un patronato aiuta a rispettare le scadenze annuali per la presentazione del modello 730 (a partire dal 2015, la scadenza è spostata al 7 luglio), ma anche di accertarsi che i conti vengano svolti in maniera corretta per evitare sanzioni per eventuali irregolarità.

730 precompilato


La novità più importante per quanto riguarda la dichiarazione dei redditi del 2015 è sicuramente l’introduzione del modello 730 precompilato. All’interno di questo modulo sono già presenti alcune  informazioni come, ad esempio, quelle fornite dai sostituiti di imposta per quanto riguarda il compenso per lavoro dipendente e le spese mediche detraibili (ma solo a partire dal 2016). Al contribuente spetta il compito di accertarsi che le cifre indicate siano corrette e, se non sono necessarie modifiche, accettare il 730 presente sul sito dell’Agenzia delle Entrate indicando i dati del sostituto d’imposta che effettuerà il conguaglio e la propria scelta per l’8 e il 5 per mille.

Se i dati non risultano corretti o sono necessarie delle integrazioni, ad esempio con l’aggiunta delle detrazioni, è possibile rivolgersi a un commercialista che da Genova a Salerno si occuperà della presentazione del 730 precompilato entro il termine del 7 luglio, ma anche a un consulente del lavoro o direttamente al proprio sostituto d’imposta (ma solo se quest’ultimo ha comunicato entro di prestare assistenza fiscale).

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

aprire partita iva
Nel mondo del lavoro sempre più liberi professionisti scelgono di lavorare in proprio, ma come si fa ad aprire una partita IVA così da essere in regola con il fisco ed emettere regolarmente le fatture?Cos’è la partita IVA?La partita IVA viene assegnata dall’Agenzia delle Entrate al contribuente che ne fa richiesta ed è formata da un numero di 11 cifre così suddivise: le prime 7 identificano il contribuente, le successive 3 sono il codice dell’Ufficio delle Entrate di riferimento, mentre l’ultimo numero ha funzione di controllo.
compilazione modello unico
Cos’è il Modello Unico? Il Modello Unico serve al contribuente per presentare la propria dichiarazione dei redditi. Viene utilizzato con lo scopo di raggruppare in un solo modello più dichiarazioni fiscali da parte di quei  soggetti che oltre al reddito da pensione, da lavoro dipendente o autonomo  percepiscono anche redditi di terreni e fabbricati o hanno una partita IVA.