Username o password non validi.
Nuovo utente? Registrati ora
oppure ACCEDI con

Pagine Gialle

Cerca attività

CHIEDI PREVENTIVO

tutti i gusti della cioccolata calda

gusti cioccolata calda
Con l’arrivo dell’inverno poche cose riscaldano con maggior soddisfazione di una bella tazza di cioccolata calda… scopriamo insieme il segreto per preparare la cioccolata perfetta in casa, ma anche le mille varietà che si possono trovare al bar.

Alla ricerca della cioccolata artigianale


Se oggi esistono molti preparati da mischiare con latte caldo, alcuni bar continuano a proporre ai propri clienti la vera cioccolata calda artigianale.

Gli ingredienti utilizzati sono pochi e meglio puntare sulla qualità: cacao amaro, zucchero e fecola di patate (o amido di mais) come addensante ai quali si unisce il latte da portare ad ebollizione fino ad ottenere una cioccolata calda in tazza densa e cremosa al punto giusto.

A Novara come a Perugia o a Taranto, molti bar aggiungono al momento della preparazione anche una tavoletta di cioccolato, che sciogliendosi lentamente permetterà di ottenere una crema dal gusto ancora più deciso e goloso.

Pochi ingredienti, molti gusti: le mille anime della cioccolata calda


Se la cioccolata calda tradizionale resta la preferita degli italiani - magari arricchita dall’aggiunta di un tocco di panna montata durante le ore pomeridiane - in questi ultimi anni sono nati tantissimi sapori diversi per accontentare tutti i gusti. Cannella, menta, zenzero, cardamomo e peperoncino aggiungono un tocco in più che piacerà agli amanti delle spezie, mentre la vaniglia esalta la dolcezza della bevanda a condizione di non esagerare.

Perfette per riscaldare il corpo e lo spirito sono anche le varianti di cioccolata calda in tazza a cui viene aggiunta una punta di liquore alle nocciole o al cioccolato, ma anche i più tradizionali rum e amaretto.

Altrettanto richiesta è la cioccolata calda bianca dove non si utilizza il cacao, ma direttamente il cioccolato bianco fatto sciogliere nel latte e aromatizzato in mille modi diversi (nocciola, agrumi, peperoncino, limone, ecc.).

Fondente, al latte o bianca che sia, la cioccolata calda si accompagna alla perfezione con piccola pasticceria secca o biscottini per una pausa o una merenda sostanziosa perfetta per grandi e bambini.

Preparare la cioccolata calda in tazza a casa


Ottenere una cioccolata calda in tazza cremosa come quella del bar è più facile di quanto sembri e con poche regole chiare il risultato è garantito:

  •  Mescolate insieme zucchero, cacao e fecola prima di aggiungere il latte.
  • Aggiungete il latte poco alla volta e sempre mescolando così da evitare la formazione di grumi (servitevi eventualmente di una frusta per rimuovere quelli esistenti).
  • Individuate la giusta quantità di latte così da evitare di ritrovarvi con una cioccolata troppo liquida o talmente densa che il cucchiaino rimarrà in piantato in piedi.
  • Se volete aggiungere del cioccolato in pezzi meglio farlo quando il latte inizia a bollire.
  • Servite la panna montata, meglio se non zuccherata, a parte così ognuno potrà aggiungere la quantità desiderata alla propria cioccolata
  • Scegliete una tazza ampia per gli adulti o una più alta per i bambini alla cui cioccolata potrete aggiungere invece della panna montata alcuni marshmallow, che si sciolgono lentamente e che ci ricordano i fumetti di Snoopy.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

in forma colazione bar
Per iniziare bene la giornata . Ogni mattina molti italiani da Genova a Palermo scelgono di fare colazione al bar.
caffè storici italiani
Da medicina a bevanda alla moda. La tradizionale tazzina di caffè è l’appuntamento imperdibile di fine pasto per gli amanti dell’espresso, ma quando nasce il primo bar in Italia? Se la data rimane sconosciuta (comunque nel XVII secolo), quello che è certo è che la prima bottega del caffè apre i battenti in piazza San Marco a Venezia.
tipi di caffè
L'Italia: il paradiso del caffè. Ogni anno nei bar di tutta Italia si consumano oltre tre miliardi di tazzine di caffè: colazione o pausa durante la giornata non importa, quasi un italiano su due si lascia tentare almeno una volta da un espresso fumante.