Username o password non validi.
Nuovo utente? Registrati ora
oppure ACCEDI con
SCOPRI I SERVIZI
 

Comune di Curtarolo

Viale Della Costituzione, 3 - 35010 Cadoneghe (PD)
45.44821 11.91183

tel. 049 8881764 fax. 049 8881732

Calcola il percorso
www.tuttocitta.it
Condividi questa attività
sui social network

Località di antichissima origine lungo il fiume Brenta. Tracce e scoperte archeologiche riguardano reperti venetici e di epoca romana; uno dei reperti più significativi furono i resti di una piroga rinvenute lungo uno scorcio del fiume Brenta in località Palazzina. Dopo la grande alluvione del 589 che determinò lo spostamento del corso principale del fiume Brenta, Curtarolo divenne un strategico passaggio sul fiume, con il transito diretto per Padova. Questo fatto potrebbe essere all'origine del toponimo, da Scurzarolo (scorciatoia), tuttavia ipotesi più accreditate rimandano a Curtis Rodulo, dal nome dei possedimenti di una famiglia probabilmente longobarda. Il documento più antico di cui si è in possesso è datato 1077 e attesta una pieve dedicata a Santa Maria a Curtarolo. in seguito si affermò l'importanza religiosa della chiesa e il monastero di Santa Giuliana, in località Pieve (toponimo acquisito proprio per questo fatto), documentata fin dal 1333 ed investita del titolo di parrocchiale dal 1500, con giurisdizione sulle chiese e cappelle di Campo San Martino, Marsango, Sant'Andrea, Tessara, Santa Maria di Non e Tavo. Nel Trecento si pone il passaggio sulla Brenta, forse già attrezzato con un ponte, luogo di aspre contese militaresche tra carraresi escaligeri dapprima, poi con i veneziani e successivamente (1509) di schermaglie (note come scaramuze) tra gli imperiali della Lega di Cambrai, provenienti dalle scorribande di Bassano, Marostica e Cittadella, e Veneziani, sfociate nella presa e distruzione del castello di Limena e assedio alle mura di Padova. Nel XIII secolo vasti territori in località "Non" appartenevano ai Dalesmanni, potente famiglia padovana i cui esponenti più noti furono Speronella Dalesmanni ed il figlio Jacopo da Sant'Andrea, citato anche nell'Inferno di Dante.

DETTAGLI

iconProdotti e servizi

SERVIZI: pagamento cartelle esattoriali; pagamento utenze; previdenza; servizi ai contribuenti; servizi di assistenza sociale; servizi per la famiglia; servizi per la tossicodipendenza; servizi sociali per gli adulti.
ATTIVITÀ: polizia stradale; stato civile.

iconInformazioni sull'attività

CATEGORIA: Comune e servizi comunali.

Partita IVA: 04107300289.
COD. A30782730
Sei il proprietario di questa attività?
Accedi a PG4You per aggiornare e modificare le info, i contatti o le foto relative alla tua Attività.
Scopri quali amici stanno già usando PagineGialle
Registrati con facebook
oppure
REGISTRATI CON L'EMAIL