Username o password non validi.
Nuovo utente? Registrati ora
oppure ACCEDI con

i certificati per chi pratica sport

certificati medici sport
Lo sport può essere praticato a diversi livelli, ma la tutela della salute è sempre importante. Per questa ragione in molti casi è necessario un certificato di idoneità al suo svolgimento (conosciuto spesso ancora come certificato di sana e robusta costituzione) e che può prevedere anche una serie di esami clinici.

La pratica non agonistica per i ragazzi


Per quanto riguarda i ragazzi, si tratta del certificato che permette di svolgere attività sportive parascolastiche - ovvero al termine del normale orario di lezione - e che vengono organizzate dai singoli istituti. A Torino come a Modena o a Salerno il medico di base (ma anche il pediatra o il medico dello sport) si occupa di svolgere la visita e rilascia l’apposito certificato che ha una durata di dodici mesi. Se si tratta della prima volta in cui il bambino iniziata la pratica non agonistica è richiesto anche un elettrocardiogramma a riposo. Il certificato per la pratica non agonistica è gratuito (mentre non lo è l’eventuale ecg effettuato da un cardiologo) e può essere utilizzato anche per i giochi sportivi studenteschi.

La pratica non agonistica per gli adulti


In questo caso si tratta di un certificato a pagamento (il costo è variabile) e mantiene la durata di dodici mesi dal momento in cui viene redatto. A differenza dell’attività ludico-amatoriale - ovvero quell’attività finalizzata a mantenere il benessere psico-fisico attraverso attività non competitive - che non richiede alcun certificato, le palestre o i centri affiliati alle società sportive o al Coni lo richiedono per praticare sport. Nel caso di attività fisiche considerate a particolare impegno dal punto di vista cardiovascolare, come corse podistiche di oltre 20 km, gran fondo di ciclismo o di nuoto, il medico di base che da Asti a Cosenza segue il paziente (ma anche il medico sportivo) dovrà svolgere un controllo più approfondito e che comprende:
  • rilevazione della pressione arteriosa;
  • elettrocardiogramma basale;
  • step test o un test ergometrico con monitoraggio dell’attività cardiaca
oltre agli altri accertamenti che riterrà necessari.

La pratica sportiva a livello agonistico


Ovviamente, chi vuole dedicarsi allo sport a livello continuativo e sotto l’egida della varie Federazioni sportive nazionali, la certificazione di idoneità alla pratica sportiva agonistica è obbligatoria. In questo caso, però, il certificato non viene rilasciato dal medico di base, ma da un medico specializzato in medicina dello sport presente presso la ASL di riferimento o presso centri privati accreditati. La richiesta viene fatta dalle società sportive e il risultato della visita viene annotato sul libretto sanitario sportivo dell’atleta. Gli esami svolti comprendono IRI test - sotto il controllo dello specialista - e monitoraggio elettrocardiografico a cui si aggiungono ulteriori controlli per gli sportivi che hanno superato i quarant’anni. Come nel caso di quelli per la pratica non agonistica, il certificato ha solitamente la durata di un anno ad eccezione di un numero limitato di sport come golf e bocce.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Chi è il medico di base? Il medico di base è un dottore laureato in medicina e chirurgia che ha il compito di seguire i propri pazienti in maniera continuativa. Conosciuto anche come medico generico o di famiglia, dovrebbe rappresentare per le persone che ha in cura un vero e proprio punto di riferimento poiché ne conosce la storia clinica (e spesso umana) e può prescrivere medicine, esami specialistici o disporre un eventuale ricovero ospedaliero.
prestazioni studio medico
Il medico di famiglia offre ai propri pazienti una serie di prestazioni che vanno oltre la semplice visita in caso di raffreddore o piccoli infortuni.Prevenire e informareAlcune patologie potrebbero essere evitate o avrebbero comunque un impatto minore sulla salute se il paziente seguisse i consigli giusti.