VIGILPOL: IN SARDEGNA
SICUREZZA FA RIMA CON GENTILEZZA 

SASSARI (SS)
Via Dei Dei Mille, 53
Tel. +39 079 2116001 | Tel. +39 079 2116008 | Fax +39 079 214035

www.vigilpol.it | info@vigilpol.com

VIGILPOL: IN SARDEGNA
SICUREZZA FA RIMA CON GENTILEZZA 

SASSARI (SS)
Via Dei Dei Mille, 53
Tel. +39 079 2116001 | Tel. +39 079 2116008 | Fax +39 079 214035

www.vigilpol.it
info@vigilpol.com

Sono le prime persone che si incontrano entrando in un ufficio pubblico, talvolta in posta, o arrivando via nave al porto. Hanno l’aspetto serio e severo, ma lo sguardo gentile di chi sa che deve innanzi tutto infondere sicurezza. Le guardie giurate dell’Istituto di vigilanza Vigilpol sono la sintesi perfetta di professionalità, fiducia e positività.

«Nel 1986 un piccolo gruppo di giovani sardi intraprendenti hanno messo in piedi una cooperativa che forniva servizi di sicurezza, ora siamo circa 250 persone», racconta Emiliano Achenza, attuale presidente dell’istituto di vigilanza, con un passato da guardia giurata.

Sassari e la provincia, ma anche Olbia sono i bacini d’utenza della società che opera anche per l’Autorità portuale di Olbia-Golfo Aranci e di Porto Torres. Sono i primi che i turisti incontrano quando sbarcano sull’isola e per questo le guardie di Vigilpol che prestano servizio in questi luoghi devono sapersi esprimere almeno in una lingua straniera.

«Nel corso degli anni abbiamo puntato tantissimo sulla formazione perché la nostra professione si è evoluta e forniamo sempre più servizi, lavorando nei più importanti siti a rischio elevato in Sardegna. La tecnologia ha fatto enormi passi in avanti e la videosorveglianza è stata senza dubbio una svolta epocale. Ma sono le persone a fare la differenza, per questo ci teniamo a che tutti i dipendenti partecipino a corsi per migliorare sempre la professionalità sia delle guardie giurate sia del settore amministrativo», spiega Achenza, «Vigilpol è una delle poche società sarde di vigilanza che non ha mai cambiato nome o casacca» racconta con un moto di orgoglio.

«Anche il nostro simbolo, il rombo verde, è rimasto lo stesso perché così le persone ci riconoscono e sanno che si possono fidare».

Già perché in un lavoro come questo la fiducia viene sicuramente al primo posto ed è per questo che spesso i nuovi clienti arrivano grazie al passaparola positivo di altri. Una sponsorizzazione naturale che continua a imporre standard altissimi e un istinto naturale alla protezione del territorio nel quale Vigilpol lavora da trent’anni.

«È fondamentale considerare che l’Istituto di vigilanza diventi innanzi tutto partner dell’azienda in cui opera. L’immagine è importante e noi dobbiamo essere bravi a meritarci la fiducia dei clienti, se la perdiamo non perdiamo solo il cliente, ma la stessa ragione d’essere di Vigilpol», continua Achenza che si definisce anch’egli “contagiato dall’ISTINTIVA VOGLIA DI PROTEZIONE PER LA SUA SARDEGNA. UN CONTAGIO PARTICOLARMENTE RASSICURANTE.

Sono le prime persone che si incontrano entrando in un ufficio pubblico, talvolta in posta, o arrivando via nave al porto. Hanno l’aspetto serio e severo, ma lo sguardo gentile di chi sa che deve innanzi tutto infondere sicurezza. Le guardie giurate dell’Istituto di vigilanza Vigilpol sono la sintesi perfetta di professionalità, fiducia e positività.

 «Nel 1986 un piccolo gruppo di giovani sardi intraprendenti hanno messo in piedi una cooperativa che forniva servizi di sicurezza, ora siamo circa 250 persone», racconta Emiliano Achenza, attuale presidente dell’istituto di vigilanza, con un passato da guardia giurata.

 Sassari e la provincia, ma anche Olbia sono i bacini d’utenza della società che opera anche per l’Autorità portuale di Olbia-Golfo Aranci e di Porto Torres. Sono i primi che i turisti incontrano quando sbarcano sull’isola e per questo le guardie di Vigilpol che prestano servizio in questi luoghi devono sapersi esprimere almeno in una lingua straniera.

«Nel corso degli anni abbiamo puntato tantissimo sulla formazione perché la nostra professione si è evoluta e forniamo sempre più servizi, lavorando nei più importanti siti a rischio elevato in Sardegna. La tecnologia ha fatto enormi passi in avanti e la videosorveglianza è stata senza dubbio una svolta epocale. Ma sono le persone a fare la differenza, per questo ci teniamo a che tutti i dipendenti partecipino a corsi per migliorare sempre la professionalità sia delle guardie giurate sia del settore amministrativo», spiega Achenza, «Vigilpol è una delle poche società sarde di vigilanza che non ha mai cambiato nome o casacca» racconta con un moto di orgoglio.

«Anche il nostro simbolo, il rombo verde, è rimasto lo stesso perché così le persone ci riconoscono e sanno che si possono fidare».

Già perché in un lavoro come questo la fiducia viene sicuramente al primo posto ed è per questo che spesso i nuovi clienti arrivano grazie al passaparola positivo di altri. Una sponsorizzazione naturale che continua a imporre standard altissimi e un istinto naturale alla protezione del territorio nel quale Vigilpol lavora da trent’anni.

«È fondamentale considerare che l’Istituto di vigilanza diventi innanzi tutto partner dell’azienda in cui opera. L’immagine è importante e noi dobbiamo essere bravi a meritarci la fiducia dei clienti, se la perdiamo non perdiamo solo il cliente, ma la stessa ragione d’essere di Vigilpol», continua Achenza che si definisce anch’egli “contagiato dall’ISTINTIVA VOGLIA DI PROTEZIONE PER LA SUA SARDEGNA. UN CONTAGIO PARTICOLARMENTE RASSICURANTE.

  

#50ANNIPAGINEGIALLE  #PAGINEGIALLE  #TOURPAGINEGIALLE  #STORIE

Il nostro network:      LIBERO        PAGINE BIANCHE       PAGINE GIALLE        SUPEREVA        TUTTOCITTÀ       VIRGILIO
Italiaonline.it     Fusione     Note legali     Privacy     Cookie Policy      © ITALIAONLINE 2016 - P. IVA 03970540963